martedì 30 giugno 2009

Adesso comincia a farmi pena, siamo quasi alle monetine del cinghiale. Non si attacca un uomo morto, o moribondo.

Che sia un bravo speculatore l'ha gia' dimostrato con Milano2, ci sa fare. Che speculi sulle sue televisioni, Rai compresa, lo sappiamo la banda suona sempre la fanfara a festa inneggiando all'unto dal signore.
I suoi giornali lo soccorrono puntualmente come un'ambulanza o l' elicottero del 118, i soui cortigiani e cortigiane invadono anche le tv private, ieri sera Telelombardia, ripetendo la tesi difensima dellavv. Mavala', senza mai parlare di politica ma facendo casino quando parlano gli altri. Strategia inaugurata anni fa dall' attuale presidente del senato.
Ma speculare sul terremoto dell' Abbruzzo l'ha messo con il culo alla finestra, non e' bastato abbracciare una vecchietta e regalarle la dentiera per conquistare i terremotati.
Sul piano internazionale e' sotto zero, credibilita' nulla anche se si appoggia a Gheddafi e Putin per darsi un tono visto che non ha volume, come ho gia' scritto altre volte.
Con tutti i problemi che ha l'incidente di Viareggio e' caduto come una mamma dal cielo, mi hanno gia' criticato sul sito di ok notizie perche' ho scritto che specula anche sui morti.
Dicono che dovrei vergognarmi, dovrei pensare alle vittime e non criticare il capo del governo che ha il dovere di partecipare al lutto di una citta'.
Appunto, basta che non dica:prendo in mano io la situazione, e' questo che mi preoccupa.
Il suo governo e' quelle che depenalizza le responsabilita' dei manager e dei titolari in merito agli incidenti sul lavoro, che taglia i fondi sui controlli e sulla sicurezza degli utenti dei servizi. Da tempo non si produce un piano dei trasporti, da oltre 10 anni, nonostante i ripetuti incidenti si risparmia sul controllo dei treni, si regala Alitalia ai privati diminuendo sicurezza e servizi in nome del profitto.
Ci penso sempre a queste cose, ma non penso alle vittime probabili, penso a salvaguardare cittadini e lavoratori. Piangere i morti, troppi morti, dopo e' tipicamente da cattolico peloso.
Sia per le ferrovie che per il terremoto dell' Aquila c'erano state denunce ed allarmi, non e' stato fatto niente, e adesso mi rompete perche' non rispetto il dolore delle famiglie, delle vittime.
Io faccio presente le responsabilita' della politica e soprattutto quella del capo del governo, le leggi ad personam le riesce a fare in 20gg, quelle sulla sicurezza dei cittadini e dei lavoratori le smantella.
Pero' piange ai funerali, ripreso in primo piano da tutti i canali televisivi.
Se avete voglia fatevi prendere per il culo voi, non ne ho nessuna voglia e non mi piace per niente.
Ricordate la foto con il cappellino da capo stazione? Li' riesce bene, nella propaganda, capo pompiere, capo di cazzo, capo di tutto ma soprattutto: capo banda. Di quella banda di delinquenti che abbiamo al governo.
Comunque comincia a farmi pena, ovunque va la gente lo fischia, lo prendono per quello che e' un piazzista venditore di illusioni.
Ultimamente l'unico posto dove puo' andare ed essere omaggiato ed inneggiato e' a Villa Certosa, dalle sue ragazzine fornite di varta di credito e dai suoi cortigiani ma anche loro per trovare il coraggio di fargli festa devono tirare di coca, darsi una spinta.
Il popolino si sta' svegliando, lo si capisce anche dall'escaletion di presenze dei suoi difensori d'ufficio in tutti i canali, dai toni sempre piu' acidi contro l'opposizione e dalla megalomaia dilagante, la sua, ieri ha detto che chi lo fischia e' comunista ed e' contro il paese.
Lui si ritiene il paese, l'anticamera della pazzia.
A quando i pomodori o le uova marce?
Ecco perche' mi fa pena, combattere chi si ritiene invincibile ed inattaccabile mi stimola, combattere un poveretto malato e fuori di testa mi fa pena, mi piace combattere con i piu' forti, se uno e' debole tendo a difenderlo, purche' si faccia curare.
Oltretutto e' al guinzaglio della lega, ed e' corto.

Succede che quel signore, cosi' gentile, te lo ritrovi sul giornale. Ha violentato una ragazzina.

E' chiaro che il depravato, certi delinquenti, non hanno un odore particolare, non c'è occhio clinico che tenga.
Non che sia un boccalone ad esempio diffido dei preti, certi preti. Sara' dovuto al collegio, al finto cameratismo dei pretini da oratorio, li' sono diffidente e li sgamo subito, evidentemente ho fatto la scuola giusta per annusarli e stanarli, il collegio. Mi e' andata bene ma qualcosa ho visto e sentito.
So anche che bravi padri di famiglia si fanno i viaggi per farsi i ragazzini e le ragazzine, mandano pure le cartoline ai figli con i saluti, ma ti sembra comunque una cosa lontana che esiste si, ma ti tocca marginalmente, ti fa scattare la solidarieta' ma e' comunque una cosa disidratata, inconsistente.
Il bravo padre di famiglia che accompagna la figlia a prendere il mangiare per le tartarughine, che accarezza Lulu', che passa ai giardini e saluta cortese.
Non ha scritto in fronte: sono malato. Si mimetizza molto bene ed improvvisamente la notizia fa meravigliare tutti, sia chi ha figlie bambine e chi non ne ha.
Cerchi nella memoria se qualcosa in lui ti faceva schifo, ti spingeva alla freddezza o al rifiuto, se qualcosa di viscido in lui ti abbia sorpreso qualche volta.
Non trovi niente e ti rendi conto che il mostro e' in mezzo a noi, puo' essere uno schifoso pedofilo o un potenziale assassino e finche' non gli scoppia la zia non te ne rendi conto.
Siamo diversi con il giornale in mano, c'è la sua foto, ed ognuno ripete che non avrebbe mai immaginato. Un adescatore di bambine e vicino a casa abbiamo le scuole, ma sembra agisse fuori zona, accorto e consapevole. Ha ringraziato gli agenti che lo hanno arrestato: sono tre anni che faccio questa vita d'inferno, ma non so trattenermi.
Chissa' se sara' mai andato da un dottore a confidare la sua vergognosa malattia, pensate se come dottore avesse trovato una di quelle brave persone che fanno i viaggi in Asia.
La bestia e' dentro di noi e qualsiasi tentativo di dargli un colore o una razza e' inutile, solo l'educazione e la civilta' puo' curare un malessere intrinseco alla pochezza umana, parlo in senso lato, a 360 gradi. I tentativi di crcoscrivere il delinquente, il pedofilo, l'ammalato dentro una etnia o una razza sono inutili e' un paravento dove si nascondono le nostre paure e le nostre fobie.
Sembrava cosi' una brava persona, appunto, sino a prova contraria lo siamo tutti.
Dopo no, dopo siamo colpevoli e responsabili, dobbiamo pagare ma non esiste la maglietta del delinquente e nemmeno quella del depravato.

Mi domando, e vi domando: che credibilita' puo' avere un G8 presieduto da Silvio Berlusconi?

I temi in discussione sono attuali ed importanti, non voglio nemmeno entrare nel merito, ma mi pongo una domanda:
Puo' presiedere il G8 un personaggio che, al massimo, puo' disquisire sulla riapertura delle case chiuse di stato?
Nel 2001 il G8 di Genova fu una vergogna planetaria, le prove per un colpo di stato, che ruolo e che senso avra' il G8 del 2009?
Questo fu il G8 di Genova, per ricordare.
http://images.google.it/images?hl=it&q=g8+genova&um=1&ie=UTF-8&ei=CLpJSvX7IZnJ_gbSjbmGCQ&sa=X&oi=image_result_group&ct=title&resnum=778366497

E' dura rifargli una verginita' con il G8 dell'Aquila, e' piu' semplice rifarla a Patrizia.
Ieri ha fatto quello che gli riesce meglio, il piazzista in una nave da crociera, come ai bei tempi ma senza Confalonieri al pianoforte.